Open up Entrepreneurship (OpEn)

Una partnership transnazionale di associazioni di imprese e università dalla Grecia, Italia, Spagna e Regno Unito, guidate dall’Istituto delle Piccole Imprese della Confederazione Ellenica di Professionisti, Artigiani e Commercianti (IME GSEVEE), realizza il progetto “Open Up Entrepreneurship (OpEn)” nell’ambito del Programma Europeo Erasmus+.
Il progetto OpEn mira a soddisfare il bisogno di conoscenza e competenze degli imprenditori, aspiranti e non, nel campo delle tecnologie digitali. In questo contesto, saranno utilizzate pratiche innovative e strumenti tecnologici per progettare e sviluppare risorse educati-ve aperte e multidisciplinari e quindi offrire supporto all’imprenditoria digitale.
In particolare, è stato progettato un corso online aperto ed è stato sviluppato l’appropriato materiale educativo open source che è disponibile, al momento in lingua inglese, attraver-so una piattaforma di e-learning. Il corso aperto, di 32 ore in totale fruibili in 8 settimane, è costruito su 3 Unità Tematiche:

  • Business Development
  • Personal Development
  • Digital Development

Nel mese di luglio 2017, è previsto la partenza di una versione pilota di questo corso, rivolta a specifiche categorie di beneficiari, quali giovani imprenditori ma anche studenti e neo-laureati che desiderano sviluppare nuove attività di business.
Gli interessati a partecipare a questa iniziativa pilota possono registrarsi a partire da lunedì 03/07/2017 per frequentare almeno 1 delle 3 Unità Tematiche in lingua inglese, seguendo il link alla piattaforma di e-learning: http://openup.upatras.gr/modules/auth/newuser.php, che è disponibile anche dal sito web di progetto: http://www.openup-project.eu/. La scadenza per il percorso piota è il 31/08/2017.
La partecipazione e il feedback sono apprezzati e saranno di grande aiuto per il progetto OpEn.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Premio Nazionale ETIC

Giuseppe Iaffaldano è il vincitore del premio nazionale messo in palio da AICA e dal Rotary per il miglior lavoro di tesi sul tema “Etica e Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione”. La tesi si intitola “Partecipazione assistita di soggetti non udenti a eventi pubblici mediante trascrizione real-time” e ha prodotto Scriba, un sistema software che abbatte la barriera della comunicazione verbale con soggetti audiolesi, permettendo loro di comprendere facilmente ciò che viene riferito durante un evento pubblico. I soggetti non udenti possono così seguire eventi pubblici, lezioni e seminari senza perdere informazioni né sentirsi in imbarazzo. C’è un vantaggio anche per soggetti normodotati che possono utilizzare la trascrizione per rielaborare quanto ascoltato. A differenza dei sistemi commerciali, Scriba offre supporto alla lingua italiana e può essere esteso ad altre lingue con relativa facilità. È richiesto solo uno smartphone per chi “ascolta” e la qualità del riconoscimento è molto alta, attorno al 94%. Scriba è disponibile gratuitamente ed è aperto a modifiche e miglioramenti perché open source.
Il lavoro di tesi ha completato il percorso di studi della Laurea Magistrale in Informatica dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro. I relatori della tesi sono il prof. Filippo Lanubile del Dipartimento di Informatica e il dott. Fabio Calefato del Dipartimento Jonico. La tesi ha anche un correlatore esterno, il dott. Fabrizio Lippolis dell’associazione Informatici Senza Frontiere (ISF), che ha lanciato la sfida progettuale e partecipato alle numerose riunioni di metodologia agile.
L’interesse di Giuseppe Iaffaldano al tema del premio prosegue nel lavoro di ricerca sulle comunità creative online, intrapreso come giovane dottorando del Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

ICSE 2017

COLLAB is contributing with three papers and a workshop to the main software engineering conference and co-located events: ICSE 2017:
 

Mika V. Mäntylä, Nicole Novielli, Filippo Lanubile, Maëlick Claes, Miikka Kuutila. Bootstrapping a Lexicon for Emotional Arousal in Software Engineering. 2017 IEEE/ACM 14th International Conference on Mining Software Repositories (MSR)

 

Fabio Calefato, Filippo Lanubile, Nicole Novielli. A Preliminary Analysis on the Effects of Propensity to Trust in Distributed Software Development. 2017 IEEE 12th International Conference on Global Software Engineering (ICGSE)

 

Daviti Gachechiladze, Filippo Lanubile, Nicole Novielli, Alexander Serebrenik. Anger and Its Direction in Collaborative Software Development. 2017 IEEE/ACM 39th International Conference on Software Engineering: New Ideas and Emerging Results Track (ICSE)

 
Nicole Novielli, Andrew Begel, Walid Maalej. SEmotion 2017 Workshop Summary.2017 IEEE/ACM 2nd International Workshop on Emotion Awareness in Software Engineering (SEmotion)
 
It will be a busy week!

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Come riassumere un articolo scientifico

Per chi intende sostenere l’esonero dalla prova teorica del corso di Sistemi per la Collaborazione in Rete, oltre che presentare in aula l’articolo scelto, mi aspetto di leggere un sommario, min 150 max 300 parole, strutturato secondo il template della guida per gli autori della rivista Information and Software Technology di Elsevier:

  • Context
  • Objective
  • Method
  • Results
  • Conclusions

Il sommario strutturato sostituisce il saggio breve utilizzato negli anni precedenti.

(more…)

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone