Live report da ICSE 2011 – Giorno 1

Short link: http://wp.me/pfeh0-dJ

Keynote

h 8.35: Inizia il primo keynote, K. Nakakoji – Interacting, continuity, sketching & experience

Pare scarso per una conferenza come icse, e non molto in tema: si parla delle differenze tra modellazione e realizzazione — Bridging the World of using with the World of making

Esempio: un pickup e una sportiva sono modellate differentemente, ma dal punto di vista realizzativo (funzionalità ) sono molto simili

La scelta di un nome è un importante esempio di modellazione .

h 8.39: pessime illegibili slides per una che si occupa d interaction design.  Mostra i tipi d dicument per la comunicazione tra interaction designer e programmatori. I designer producono sketch, i programmatori prototipi.  Questa difficoltà di comunicazione tra designer e programmer deriva dal fatto che realizzare e usare sono completamente diversi tra loro.

h 8.55: Nota folkloristica: Carlo Ghezzi molla dopo meno di mezzora…

(more…)

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Sviluppo di videogiochi al DIB

Finalmente iniziano a circolare i primi videogiochi realizzati dagli studenti del dipartimento di Informatica di Bari….

Se volete dare un’occhiata potete trovare qui i link per il download su facebook.

La maggior parte sono solo una parte (un livello, una missione,…) del gioco. I vostri colleghi ora aspettano suggerimenti, critiche, valutazioni che li aiutino a realizzare una versione migliore. Se avete qualche minuto di tempo, dopo aver provato il gioco potreste esprimere un vostro giudizio utilizzando il questionario a disposizione per ogni gioco…

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Rilasciati i documenti originali di progetto di GTA 1

Da qualche giorno sono disponibili in rete i documenti di progetto della prima release di Grand Theft Auto, inizialmente chiamato “Race’n’Chase”.

“The aim of Race’n’Chase is to produce a fun, addictive and fast multi-player car racing and crashing game which uses a novel graphics method.”

Sebbene molto più semplicistico, conteneva già in sé l’embrione di ciò che sarebbe diventato a partire da GTA III. A ogni modo, sono interessanti da guardare i documenti pdf con le specifiche di un gioco che ha poi avuto successo.

Via: Video Games Blogger

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Google Summer of Code 2011

Anche quest’anno Google finanzierà gli studenti desiderosi di partecipare a progetti Open Source tramite il programma Summer of Code.

Google Summer of Code is a global program that offers student developers stipends to write code for various open source software projects. We have worked with several open source, free software, and technology-related groups to identify and fund several projects over a three month period. Since its inception in 2005, the program has brought together over 4500 successful student participants and over 3000 mentors from over 100 countries worldwide, all for the love of code. Through Google Summer of Code, accepted student applicants are paired with a mentor or mentors from the participating projects, thus gaining exposure to real-world software development scenarios and the opportunity for employment in areas related to their academic pursuits. In turn, the participating projects are able to more easily identify and bring in new developers. Best of all, more source code is created and released for the use and benefit of all.

A partire dal 18 Marzo sarà disponibile la lista dei progetti ai quali si potrà contribuire. Le application da parte degli studenti potranno essere inviate a partire dal 28 Marzo fino all’8 Aprile. Per maggiori dettagli sulle scadenze consultate la timeline completa.

Un consiglio: se decidete di applicare, scegliete un progetto che conoscete o uno strumento che utilizzate; vi aiuterà a rendere più convincente la vostra proposta.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Office non è collaborativo? Ora c’è Google Cloud Connect

Per quanto apprezzi Google Docs, sono ancora lontani i tempi in cui potrò usarlo quotidianamente al posto MS Office sul desktop. D’altro canto, anche Office ha le sue deficienze.

Tuttavia, una delle gravi carenze di Office, cioè l’editing collaborativo, sembra essere stata risolta oggi, con il rilascio di Google Cloud Connect. Fa specie che a risolvere questa pecca sia proprio il competitor Google.

Google Cloud Connect for Microsoft Office is now available to all users worldwide, letting two or more people work together on the same file at the same time in Microsoft Office 2003, 2007 or 2010 on Windows PCs. For example, you can edit a Word document’s table of contents from Dublin while coworkers adjust formatting and make revisions from Denver. Instead of bombarding each other with attachments and hassling to reconcile people’s edits, your whole team can focus on productive work together.

Ora non resta che provarlo.
(more…)

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Browse for a good cause

Segnalazione natalizia direttamente dal Google Chrome Blog:

Whether it’s bug fixes to the Chromium open source project, dazzling apps and extensions arriving daily in our Web Store, or boundary-pushing Chrome experiments — the Chrome community never fails to inspire us with their awesomeness.

This holiday, we wanted to enable the Chrome community to work together for a good cause. Starting today, we invite you to support five worthy causes by counting and “donating” the tabs you open in Chrome.

Everyone’s total tabs will determine a charitable donation made on behalf of the Chrome community, up to one million dollars. Here’s what your tabs can do:

  • 10 tabs = 1 tree planted
  • 10 tabs = 1 book published and donated
  • 25 tabs = 1 vaccination treatment provided
  • 100 tabs = 1 square foot of shelter built
  • 200 tabs = 1 person’s clean water for a year

To find out more about this effort and the organizations we’re partnering with, visitgoogle.com/chrome/intl/en/p/cause/.

Want to participate?

  • Get the Chrome for a Cause extension
  • Browse the web with Chrome between December 15 – 19
  • At the end of each day, you’ll be prompted to click on the extension to submit your tabs
  • Choose which charity you’d like to support with that day’s tabs — you can always support the same charity, or pick a different one each day

Next week, we’ll be sharing the details of the good deeds you’ve enacted. In the meantime, browse away!

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Il Web è malato? Lunga vita al Web…

Se suo papà si preoccupa non penso sia solo un eccesso di ansia da genitore apprensivo…
In un bell’articolo su Scientific American alcune riflessioni da parte di Tim Berners-Lee sulla salute della sua creaturina…
Bella e un pò filosofica la conclusione
“The goal of the Web is to serve humanity. We build it now so that those who come to it later will be able to create things that we cannot ourselves imagine.”

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Confessioni di un giovane sviluppatore Jazz

Segnalo un articolo interessante su Jazz.net, giacché scritto dalla prospettiva di un neo laureato che si affaccia per la prima volta su Jazz, per apprenderlo da zero. L’articolo fornisce una serie di spunti, consigli e informazioni utili per gli studenti impegnati con le tesi di laurea o le prove pratiche del corso di Sistemi per la Collaborazione.

Being a recent graduate and a new member of the Jazz Foundation and RTC Reporting Team, I have had to learn Jazz from the ground up. In doing so I accumulated several tips and tricks along the way. I have divided these tips into two posts. This first part deals with finding the information that I care about, and the second (coming soon) post revolves around developing in this environment.

Leggi il resto dell’articolo qui.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Di ritorno dall’ IBM EMEA Best Student Recognition

Sono stati tre giorni indimenticabili!

E’ sorprendente scoprire come studenti nati e cresciuti in posti tanto lontani possano avere gli stessi interessi, le stesse passioni e le stesse ambizioni.

L’IBM ha proposto presentazioni che hanno spaziato da Second Life a nuovi linguaggi di programmazione ma l’argomento centrale è stato l’evoluzione del pianeta che grazie alla tecnologia può diventare più “intelligente” o come ama chiamarlo l’IBM: lo Smarter Planet

http://www.ibm.com/smarterplanet/it/it/

Il secondo giorno c’è stata una affascinante visita ai laboratori nei quali vengono sviluppate tutte le nuove tecnologie hardware. E l’ultimo giorno c’è stato un contest nel quale le diverse squadre di studenti hanno proposto la loro idea di Smarter Campus, è stata una buona occasione per misurarsi con studenti di tutto il mondo e soprattutto per condividere ed imparare qualcosa.

Ecco un link per maggiori informazioni sull’evento:

http://www.vkii.org/index.php?option=com_content&task=view&id=329&Itemid=1

IBM Stoccarda - foto di gruppo

Un grande saluto a tutti coloro che ho conosciuto in queste tre intense giornate ed un grazie al prof. Lanubile.

Giuseppe

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Nuovo tema CollaBlog: Fusion

Quinto e penultimo tema selezionato per la scelta del nuovo tema del CollaBlog: Fusion. Un tema sobrio che ha il pregio di permettere di ingrandire o ridurre caratteri direttamente sul sito, tramite icona posta in alto a destra.

Sotto con i commenti e le proposte di miglioramento del tema.

Vi ricordo che potete visualizzare il tema corrente e le precedenti proposte nella pagina di wrapup dei temi.

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone