h 8.00 Colazione con F. Shull, ci ha dato un paio di suggerimenti per definire meglio l’idea sul team composition per SocialTFS.

Session: New ideas and emerging result track – Empirical SE

h 8.58 Qui per seguire il paper Data analytics for Game Development

Nota folkloristica: ‘sta sessione è una palla,  la sto seguendo solo per FAbio, vedi di metterlo a buon frutto!

Towards architectural information in implementation

h 9.16 C’è uno che propone di usare le annotazioni Java per annotare le informazioni sull’architettura nell’implementazione

Data analytics for Game Development

h 9.39 Paper in collaborazione con Nachi

I Facebook games sono un esempio di giochi che si aggiornano continuamente seguendo le indicazioni dei giocatori

Capire le preference dei giocatori di Project Gotham 4 – macchine, tracciati, etc

30-40% del contenuto del gioco usato in meno del 1% delle partite analizzate

Tempo sprecato per realizzare asset non usati

Un gioco più piccolo sarebbe stato cmq apprezzato dai giocatori

 

Nota: questo giorno mi pare più scarso come qualità degli altri; infatti c’e’ molta meno gente nelle sessioni e nei break.


Panel Session: What research impact is

h 10.31 Parlano dell’Impact project, partito nel 2001, sponsorizzato da SIGSOFT e NFS per documentare l’impatto della ricerca nel campo del sw eng

Il progetto assumeva che per impatto si intendesse ottenere evidenza che qualcosa è stato adottato in pratica

h 10.41 Domande:

Come lo misuriamo quantitativamente e qualitativamente?

L’impatto cambia per altre comunità?

h 10.45 Ghezzi

il primo problema è che  noi piuttosto combattiamo tra noi stessi in modo autoreferenziale;

il secondo problema è che il nostro unico obiettivo è ottenere una pubblicazione

siccome non siamo stati in grado di misurare l’impatto, le nostre misure di progresso sono per forza misure basate sulle pubblicazioni (impact factors, citations, H index) — anche se dicono qualcosa — ma non l’impatto della ricerca

Parnas CACM 2007: incoraggia ricerca piccola, superficiale, insignificante

Paper sono solo una parte visibile della ricerca, ci devono essere altri artefatti che possano aiutare a rendere la ricerca replicabile e riusabile

Fare ricerca sull’impatto nel sw eng è ricerca.

 

Sessione: Comprehending the drift III

h 10.45 Paper di un dottorando di Peggy

Understanding Broadcast Based Peer Review in Open Source Software Projects

Studio sul code review di Apache

il 40% delle patch inviate per il review sono ignorate o respinte

h 10.50 Per ora mi suona tanto come un “Yet another study on OSS”

I lavori con Treude mi paiono più interessanti

Questionari inviati ai developer, non dice quanti, ma solo 5 risposte. Mi paiono pochine.

Giudizio: da rivedere

 

h 11.15 Dottorando di Michele Lanza

Software as Cities metaphor.

Un software mostrato come una città dove i palazzi sono le classi, i quartieri i packages.

Ampiezza e altezza dei palazzi danno un’idea del numero di metodi e proprietà presenti in una classe.

Presentazione ben fatta, e buon esperimento con 40 soggetti, metà studenti metà professionisti, divisi tra Lugano, Berna, Bologna, Anversa.

Non sono convintissimo dei task selezionati per dimostrare che il software facilità la comprensione.

Cmq, mi pare un buon paper.

 

Nota folkloristica: Launch break in spiaggia. Tutte così dovrebbero essere le conferenze…  🙂

 

Sessione MS SEIF

Nota folkloristica: Perdo la chiave della camera, ci metto 10 minuti a espletare la procedura di recupero, mi perdo il primo talk del MS SEIF

h 5.55 Sta per iniziare il primo talk di P. Jalote. Autore del primo libro di sw eng che ho letto 🙂

Niente di che, qualcosa che interesserebbe a P. Maresca. E’ rivolto più all’education

h 6.25 Non vedo nachi

h 6.30 Inizia il talk del collaboratore di Notkins

Speculative analysis di quello che il sw può diventare

Mostra minority report 🙂 … Presentazione molto “catchy”

Anticipa quelo che un user può fare, lo simula in sandbox e riporta resultati

 

Es. Ide automatic fixes in background

Quick-fix scout

Sostituiscono le correzioni proposte da eclipse eseguendo quelle azioni di refactoring e ke riordina in base al num di errori risultanti

 

Es version Control conflicts

Anticipa i problemi di meeting simulandoli in background

Crystal Proactive conflict detector

Funziona con mercurial e git

 

Belle idee

jim whitehead e tutti apprezzano e invitano a valutazioni empiriche

Jw chiede come su comporta coi branch. Nn supportati anche perché scm distribuiti lo discoraggiano

 

h 6.50pm K. Cooper non c’è, salta il quarto talk.

Fotografie ora.

 

h 8.00pm Evento social  @ Roy’s Waikiki Beach restaurant. Di lusso.

Sono al tavolo con un italiano, Andrea, di Trento FBK e un gruppo di Argentini. Tutti simpatici.

I camerieri continuano il refill del bicchiere con chardonnay. Smettiamo presto di parlare di lavoro.

Ho comunque l’occasione di scambiare il biglietto da visita con Mike, il collaboratore di Notkin, con il quale mi sono congratulato per l’ottima presentazione. Gli dico che proverò i tool e terrò un occhio aperto sui suoi followup.

Ho anche l’occasione di parlare con Christophe Treude, il dottorando di Peggy. Ragazzo tranquillo e disponibile.

Live report da ICSE 2011 – Giorno 3
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Tagged on:         

One thought on “Live report da ICSE 2011 – Giorno 3

  • 28 May 2011 at 01:10
    Permalink

    Bene. Poi mi scrivi una mail su cosa ti ha detto Forrest. Ora ti aspetta la grande serata. Anche qui ti tocca un report, privato o pubblico fai tu.

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *