Sicuramente un po’ troppo basic per i nostri attuali laureandi già al lavoro su eConference, segnalo il primo di una serie di tutorial per eventuali futuri laureandi e chiunque altro fosse curioso circa OSGi, la tecnologia che vive nel cuore di Eclipse a partire dalla versione 3.0.

The Open Services Gateway Initiative (OSGi) defines an architecture for developing and deploying modular applications and libraries. In this first article in a three-part introduction to OSGi, Sunil Patil gets you started with OSGi development concepts and shows you how to build a simple Hello World application using the Eclipse OSGi container implementation, Equinox.

da JavaWorld

Hello OSGi-World!
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

10 thoughts on “Hello OSGi-World!

  • 5 March 2008 at 01:42
    Permalink

    Ora è tardi ma conto di leggerlo. Grazie per la segnalazione.

    Reply
  • 7 March 2008 at 16:44
    Permalink

    Ma qualcuno ha provato a leggerlo?

    Reply
  • 7 March 2008 at 20:14
    Permalink

    Io gli ho dato una lettura veloce… perchè? E’ così scarso? Non mi pare :S

    Reply
  • 9 March 2008 at 00:42
    Permalink

    No, è che nessuno dava un giudizio.

    Reply
  • 9 March 2008 at 14:07
    Permalink

    Io avevo solo dato il voto: erano cose che già sapevo ma e’ una introduzione molto utile per chi vi si avvicina per la prima volta (a patto di perseverare).

    Reply
  • 9 March 2008 at 23:22
    Permalink

    Ma i tesisti del gruppo di econf il blog non lo leggono per partito preso?

    Reply
  • 10 March 2008 at 07:56
    Permalink

    Credo che siano completamente presi da viste e shared objects.

    Reply
  • 11 March 2008 at 18:10
    Permalink

    Anche a me sembra una giusta introduzione…e comunque non mi sembra neanche così breve (anche se l’ho letto abbastanza velocemente).
    In effetti leggo poco il CollaBlog, anche se comunque ho i feed sottocontrollo.

    Reply
  • 12 March 2008 at 23:19
    Permalink

    Alessio, era la prima volta che commentavi e quindi è stato necessario aspettare la moderazione. Per i prossimi commenti non ce ne sarà bisogno.

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *