Su ScientificAmerican.com è stato pubblicato un articolo in cui si fa riferimento al lavoro di tre fisici italiani dell’Università La Sapienza di Roma che utilizzando dei modelli statistici hanno cercato di individuare nell’approccio di classificazione un pò “caotico” consosciuto come Collaborative Tagging dei pattern riconoscibili nell’utilizzo di determinati tag, ossia ciò che nell’articolo chiamano “semiotic dynamics”.

qui un estratto:

A team of physicists from the University of Rome “La Sapienza” sought to determine the underlying statistical properties of this new information paradigm by studying the behaviors of tags—single words used to describe the content of a linked article or photo—on the social bookmarking/collaborative tagging sites del.icio.us and Connotea. [Editor’s Note: Scientific American and Connotea are owned by the same holding company.]

“The idea was to try and see if we could apply complex systems science methods to modeling a system which is an IT system, but exposing, in a very explicit and complex way, the social component—the activity of people,” first author Ciro Cattuto says. “In this system, the linguistic element—the word, the symbol—is a dynamical entity and plays the role of a particle in statistical mechanics.”

L’articolo dei tre fisici è reperibile qui
e inoltre altre info sono disponibili sul sito del progetto Tagora che coinvolge tra gli altri i creatori di Bibsonomy
Infine… uno studio analogo precedente sulle dinamiche e i patterns riconoscibili in del.icio.us è disponibile qui

Un pò di “patriottismo”…
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Tagged on:                         

2 thoughts on “Un pò di “patriottismo”…

  • 25 January 2007 at 13:58
    Permalink

    mmm … interessante ma qualcosa mi dice che gli scenari non sono ancora pronti 😉

    Reply
  • 25 January 2007 at 15:31
    Permalink

    ehm ehm…
    sgamato! 🙁
    e io che lo faccio x il bene del collablog che ultimamente è fin troppo “trascurato” 😛
    comunque voleva essere un post ben augurante x me stesso…
    chissà che questa bella notizia per la “ricerca italiana” non porti una scia di “buone nuove”;)

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *