Agli studenti del corso di Sistemi per la Collaborazione in Rete:

E’ stata definita una nuova modalità per lo svolgimento della prova pratica dell’esame, ovvero quella del Refactoring.
Tale prova consiste nel modificare un software collaborativo al fine di migliorare aspetti non funzionali. Si svolge preferibilmente in gruppo con assegnazione dell’oggetto di modifica da parte del docente, in particolare utilizzando test di unità automatizzati (xUnit) per garantire che il comportamento esterno del sistema sia preservato.
Prima della creazione dei test di unità sarà necessario leggere attentamente i principi per la corretta realizzazione di un test automatizzato, che sia ripetibile ed indipendente dai dati persistenti.

Un esempio di software collaborativo su cui si può lavorare è IBIS, un sistema di supporto all’ispezione distribuita del software. I test di unità sono stati già realizzati dagli sviluppatori del sistema stesso, ma molti di questi non risultano ripetibili perchè dipendenti dai dati e/o interdipendenti tra di loro.
Per lo svolgimento della prova di Refactoring sui casi di test di IBIS, sarà necessario seguire i passi definiti in questo documento.
Qui è possibile consultare le richieste di refactoring aperte relative ai test di unità del sistema IBIS.

Se qualcuno di voi è interessato contatti il docente del corso via email.

Nuova prova pratica a Sistemi per la Collaborazione in Rete
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *