Human Residue è un horror assai appetibile per almeno un buon motivo: sarà scaricabile gratuitamente dal sito ufficiale www.residue-movie.co.uk.
Il regista si è servito di un cast interamente costituito da studenti e volontari […].

Il budget ridotto all’osso e lo stampo semi-amatoriale del progetto non sembrano aver compromesso la qualità. Se non ci credete, provate a dare un’occhiata ai teaser trailer e alle foto di scena disponibili sul sito ufficiale […].
Le immagini sono poche, ma davvero suggestive, in particolar modo considerando che il film viene realizzato con il solo contributo di sponsor e donazioni. La pellicola è ispirata soprattutto a 28 giorni dopo, per gli inquietanti campi lunghi e i temi trattati. Human: Residue narra l’incubo che devono affrontare i partecipanti a un esperimento, che si fanno isolare per alcune settimane in un piccolo bunker. Quando i giovani tornano in superficie, scoprono che il mondo è completamente deserto e che tutti gli abitanti sembrano spariti, come cancellati da una misteriosa minaccia. Il gruppo dovrà fronteggiare le mostruose creature che danno loro la caccia.

[…] Un campus universitario inglese, completamente vuoto durante le vacanze estive, ha fornito la location ideale.

da HorrorMagazine.it

Human residue: un indie horror ambientato in un campus, gratis in rete
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

4 thoughts on “Human residue: un indie horror ambientato in un campus, gratis in rete

  • 19 April 2006 at 19:10
    Permalink

    io propongo…
    vedilo…
    facci una recensione…(come si deve)
    e poi vediamo se è il caso di scaricarlo…
    detto così mi viene da pensare…
    c’è meglio con cui occupare la mia banda da 6mbps :PPP

    Reply
  • 20 April 2006 at 09:33
    Permalink

    io propongo…
    di levarti i diritti di postare sul collablog… (che è un blog come si deve)
    di sicuro è il caso di scaricarti…
    figuriamoci se se esiste qualcosa che ti faccia pensare mai…

    Reply
  • 20 April 2006 at 18:02
    Permalink

    Io il film lo avrei ambientato al DIB. Più zombie di voi….

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *