mi ero già imbattuto in questo termine un pò “curioso”…oggi però ho deciso di dedicargli un pò di tempo e capire meglio cos’è…
diciamo che “mi sono fatto un’idea”…
dovendo dirlo in 2 parole:
inanzitutto FOAF sta per “friend of a friend”
della serie… “sai un amico di un mio amico…”
e dovrebbe rappresentare un vocabolario RDF in grado di descriversi attraverso una serie di informazioni personali
in modo tale da consentire ad appositi software di elaborare queste descrizioni, magari all’interno di un motore di ricerca automatico, allo scopo di trovare informazioni su di te e sulle comunità delle quali fai parte…
il tutto con l’obiettivo di favorire la creazione e lo sviluppo di social networks…
vabbè se invece volete “schiarirvi” le idee su FOAF…
da rdfweb site:

FOAF documents are, in essence, machine-readable home pages. The FOAF project homepage and technical specification have more details. See also the developer links in the sidebar this page. FOAF-related news, articles and discussion can be found here at rdfweb.org, as well as on the FOAF mailing list (rdfweb-dev), and in our IRC and Wiki forums. The www.foaf-project.org site is intended for FOAF users, while rdfweb.org is for people more involved in the project and the technology. If you have questions about FOAF that aren’t answered in the FAQ, feel free to ask in irc or on rdfweb-dev.

oppure altre informazioni dettagliate le trovate nell’articolo di Edd Dumbill “XML Watch: Finding friends with XML and RDF”
e in italiano invece Matteo Brunati nel suo blog
lo spiega sicuramente meglio di me e sopratutto delinea anche le differenze con XFN (questo termine invece a me del tutto sconosciuto)
buon surfing!

FOAF
CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

3 thoughts on “FOAF

  • 20 April 2006 at 19:46
    Permalink

    si ma non ha avuto successo in italia, certe cose funzionano se hanno successo, non basta che siano belle idee

    Reply
  • 21 April 2006 at 11:05
    Permalink

    prova a guardarla in questo modo:
    certe cose hanno successo se funzionano…
    secondo me ha + senso
    e cmq se si “andasse dietro” solo alle cose come dici tu “di successo”
    allora ahimè saremmo veramente nella mer…
    😉

    Reply
  • 21 April 2006 at 15:10
    Permalink

    @KernelFolla
    Toglimi una curiosità, sei pure €uro-scettico? 😉

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *